Il Castello Tramontano

A sovrastare sia il centro storico che la sua popolazione troviamo il Castello Tramontano.

Posto sulla collina di Lapillo, doveva essere originariamente una residenza normannala quale doveva essere costituita da otto torri quadrate. Questa era usata come fortezza da difesa ed era dotata di ponte e di un fossato di cui ne è rimasta una parte ancora oggi.

Il castello porta il nome del conte a cui è appartenuto. Il re di Napoli Ferdinando II aveva ceduto il feudo di Matera al conte. Quest’ultimo vantava dei crediti nei confronti della corona. Questa decisione non è stata ben accolta dalla popolazione. Matera infatti aveva già pagato un riscatto per rimanere città libera Il re di Napoli aveva promesso di non cedere più ad alcuno il il feudo di Matera.

Stanchi delle imposte che gravavano sui cittadini che in gran parte servivano per la costruzione del castello un gruppo di alcuni uomini tesero un imboscata al conte. Il 29 dicembre del 1915 di rientro dalla Cattedrale dopo una breve fuga fu raggiunto e ucciso. Il posto in cui si sono svolti i fatti  fu poi chiamata via del Riscatto. Il castello tramontano è rimasto incompiuto. Ad oggi si sta recuperando con un lungo restauro il fossato e le mura. Questo è possibile grazie ai fondi ottenuti dal gioco del lotto.

Come visitare il Castello Tramontano

Il castello non è aperto al pubblico. Tuttavia è possibile visitarlo dall’esterno o all’interno grazie alle giornate FAI .

Il castello Tramontano è in stile aragonese con due torri laterali e un maschio centrale più grande. Guardando frontalmente il castello è possibile scorgere la facciata della cattedrale e alcuni palazzi della Civita.

All’interno delle mura e delle torri o possibile scorgere le classiche aperture nei muri per la difesa del castello.

il parco antistante il Castello Tramontano è aperto al pubblico ad eccezione di quando ci sono eventi e concerti.


Location

Reviews

8.5 Superb Based on 0 reviews
5 stars
4 stars
3 stars
2 stars
1 stars

Leave a Review

Sign In